venerdì 17 aprile 2015

Torta di rose


Un delizioso cesto di rose mantovane ... 
Di antichissime e nobili origini la Torta di Rose fu creata nel 1490 alla corte dei Gonzaga in occasione delle nozze tra Francesco II e Isabella D’Este, proprio per rendere omaggio alla gentilezza ferrarese di costei, e fu talmente apprezzata da tutti i Signori dell’epoca che da quel momento entrò a far parte della cultura gastronomica mantovana.  
Creata con pochi, semplici e comuni ingredienti dai cuochi dei Gonzaga, la Torta di Rose unisce il fascino della dolcezza al toccante richiamo della morbidezza: il suo segreto è custodito nell'amore, nella passione e nella pazienza impiegati per la sua esecuzione.
La Torta di Rose non ammette fretta ed è realizzata con una pasta brioche lievitata ricca di burro e zucchero che viene farcita e arrotolata assumendo la caratteristica forma di un cesto di boccioli che le dà il nome.

domenica 1 marzo 2015

Cremosissima al pistacchio


Sembra questa sia la traduzione del suo nome giapponese, namelaka, una crema per dolci a base di cioccolato per l'appunto molto cremosa, con consistenza simile a una mousse. L'origine nipponica non poteva non incuriosire un amante del sushi come me, così ho voluto provarla subito ed ho capito perché è facile impazzire per la namelaka: una crema intensamente golosa, una nuvola spumosa che esplode in bocca, semplicissima da preparare, da mangiare a cucchiaiate come una mousse in piccole porzioni o da utilizzare per farcire torte e dolcetti. 
Per la ricetta ho seguito quella del grande Maurizio Santin e tra le tante aromatizzazioni possibili ho scelto il verde pistacchio: la pasta di pistacchio potete acquistarla nei negozi specializzati per pasticceria o gastronomie ben fornite, oppure potete prepararla Voi stessi come ho fatto io.
Vediamo ora insieme come preparare la namelaka al pistacchio e cioccolato bianco ma state pronti perché ora che l'ho scoperta la proverò in tanti altri gusti !

lunedì 23 febbraio 2015

Biscotti bicolore


Oggi prepariamo dei semplici biscottini resi speciali dal gioco di forme e colori. La pasta utilizzata è la frolla soft che si utilizza anche per i biscotti girandola o quelli a scacchi: è una pasta molto semplice da preparare e dalla consistenza davvero soffice e setosa, che ricorda un pò la pasta modellabile dei bimbi, dall'intenso profumo di vaniglia.
Ho preparato questi biscotti per accompagnare la cioccolata calda proposta a San Valentino quindi ho scelto di inserirvi una sezione a forma di cuore ma è possibile realizzarla con qualsiasi forma Vi suggerisca la Vs. fantasia.
Il video che mi ha ispirata lo trovate QUI ma si può utilizzare anche un altro sistema per realizzarli quindi cercherò di spiegarli entrambi.

venerdì 13 febbraio 2015

Al cuor non si comanda ...


Sì, lo so, la Festa degli innamorati a quest'ora sta già scivolando via ma spero di essere ancora in tempo per suggerirVi un paio di ricette per concederVi break di dolcezza con chi amate. Che sia oggi o in qualsiasi altro giorno dell'anno non c'è coccola migliore che una bella tazza di cioccolata calda magari accompagnata da semplici biscotti fatti col cuore.
Cominciamo quindi col preparare la nostra cioccolata calda, un must delle giornate invernali: d'inverno si sa la cioccolata calda può essere indispensabile per la nostra sopravvivenza. Alla fine di una fredda giornata o durante il fine settimana ci tiene compagnia e riesce a consolarci come nessun altro può fare, suggella momenti di tenerezza con chi amiamo e rende speciali le merende con gli amici.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...